GaspareScimò

Amo Alessandra, i miei figli e scrivere. Il resto mi serve solo a far meglio queste tre cose.

Onestamente, non mi sento uno scrittore. Scrivo, ma credo che essere uno scrittore sia una cosa molto più seria, molto più complessa di quello che faccio io. Prendo le parole che mi ha dedicato la dirigente scolastica come un augurio. L’augurio di diventarlo per davvero, uno scrittore, e di sentirmici. E se non dovessi farcela …

Continua a leggere

Dopo avermi autografato il libro, Baricco mi ha chiamato. E niente, ha detto che mi segue su Facebook e che i miei racconti sono dei veri capolavori assoluti. Io l’ho ringraziato e gli ho detto che anche i suoi romanzi non sono niente male. Mi sembrava il minimo. Poi, con molto imbarazzo, ha aggiunto: “Possiamo …

Continua a leggere

E alla fine del corso “La parola e la sua immagine” con Claudio Fava ho capito… che esistono persone che ti fanno percorrere 500 km in un giorno senza nemmeno sentirli; che il vero carisma si esprime con il massimo della pacatezza; che Catania è una città bellissima; che nelle giornate del corso ho passato …

Continua a leggere

Le sopracciglia dei cani imbiancate dal tempo. Un padre e una bambina che attraversano la strada. Le dita di una donna anziana che si muovono dentro il portamonete. La faccia di un ragazzino che ha rovesciato per terra il gelato. Il dipendente del distributore di GPL dove faccio rifornimento. Le fotografie dentro i portagli. La …

Continua a leggere

E alla fine di questo corso della scuola Holden ho capito… che tra i miei compagni c’era un ingegnere, uno psichiatra, un avvocato, un insegnante, una giornalista… Insomma l’unico coglione ero io; che conoscere le parole giuste significa aprire nuovi varchi; che non mi chiederò più, di una determinata storia, se era più bello il …

Continua a leggere

Ieri, durante la pausa pranzo, ho deciso di prendere una boccata d’aria, quindi sono andato nel cortile sul retro dell’edificio e mi sono messo seduto sopra un muretto. Il cemento era impregnato d’acqua e la sensazione di umido sulle chiappe è stata sgradevolissima, ormai però mi ero seduto e ci sono restato. Il cielo era …

Continua a leggere