GaspareScimò

Amo Alessandra, i miei figli e scrivere. Il resto mi serve solo a far meglio queste tre cose.

Stamattina siamo andati a Ballarò, io, Alessandra e i bambini. Passeggiare per le strade del mercato mi emoziona, perché tra le bancarelle ritrovo la bellezza e le contraddizioni della mia città, e anche perché qui conservo tanti ricordi della mia infanzia. Alla fine della passeggiata ognuno di noi aveva in mano qualcosa: io e Alessandra una birra, Moreno un coppo di calamari fritti, Irene e Havava un panino panelle e crocchè. Ci siamo seduti sulle panche di un pub, vicino la Chiesa di San Nicolò all’Albergheria e ognuno di noi si guardava intorno, così, per i cazzi propri. Accanto c’era lei, Rosalia. Venticinque anni, le gambe graffiate, come quelle di una bambina che 

gioca per strada, e in testa tre fiorellini bianchi. Sul tavolo una birra Forst e tra le dita una sigaretta per metà incenerita.
Ci ha guardati e poi mi mi ha chiesto se i picciriddi erano miei.
– Sì – ho detto io.
– Chi ssu bieddi!Con la bocca impastata mi ha chiesto se le potevo comprare una birra, poi ha continuato a fissare i bambini, ma con la testa vagava non so dove, infatti mentre continuava a ripetere – Chi ssu bieddi! – si abbassò la scollatura del vestito, e con una mano ha tirato fuori una tetta e ha cominciato a stringerla. Guardava i bambini, si mungeva e continuava a ripetere – Chi ssu bieddi!
Per fortuna i bambini non si sono accorti di nulla, erano distratti da un cane, che a sua volta era distratto dai loro panini e dal coppo di calamari che Moreno masticava come se fossero chewing-gum.
Io le ho pagato una birra e lei mi ha ringraziato, poi mi ha chiesto se mi amdava di passeggiare insieme. Io e lei.
Io e Alessandra ci siamo guardati e i nostri occhi si sono scambiati le stesse parole: che pena! Aveva un bel viso Rosalia, e questo, non so perché, ma mi rattristava ancora di più.
– Rosalia – ho detto – non lo vedi? Sono con mia moglie, ma come me la devo fare una passeggiata con te?
– È tua moglie?
– Sì.
– E i picciriddi, sono tuoi?
– Sì.
– Chi ssu bieddi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: