GaspareScimò

Amo Alessandra, i miei figli e scrivere. Il resto mi serve solo a far meglio queste tre cose.

Non so se vi è mai capitato di incrociare una coppia e beccarla nel preciso istante in cui si sta per lasciare. A me diverse volte, e poche ore fa è stata l’ultima. Non riesco a capire perché, ogni volta che mi capita, è sempre lei quella che piange. Ogni volta un pianto disperato, come se alla povera donna avessero appena

comunicato di avere pochi giorni di vita. Un pianto così straziante che, ogni volta, riesco a stento a impedirmi di non mettermi fra i due e cominciare a discutere con loro. E parlare tutti insieme per vedere di poter trovare una soluzione.
Gli uomini che ho visto, invece, assumono gli atteggiamenti più disparati. Ci sono quelli che sono sprezzanti, crudeli, e che pronunciano tutto il ventaglio di frasi possibili tra “Non voglio vederti mai più” e “Vaffanculo” passando per “Mi hai rotto i coglioni” e “Ti odio”.
In altre occasioni ho visto uomini imbarazzati, che si guardano intorno più preoccupati per i ficcanaso come me che per la situazione in sé. Ne ho visti anche altri che sono teneri e che cercano di consolare la povera donna da quel dolore che loro stessi hanno provocato. Ricordo di una volta in cui lei lo implorava di non lasciarla e ogni volta che lui provava a carezzarle i capelli lei strillava come una matta – Non mi toccare!
E poi ho visto anche uomini che si mettono una faccia da culo che è tutta un programma. Sono tranquilli, quasi indifferenti. Come se quella fosse solo una delle tante conversazioni noiose che speri finisca al più presto.
Ho incontrato questa coppia oggi, mentre passeggiavo in centro. Ho abbandonato l’affollatissima via Maqueda girando verso via Bandiera, ed erano lì. Uno davanti all’altra a fianco di una vecchia auto grigia. Lei aveva pianto così tanto che il trucco le era scolato ovunque da quegli occhi rosso fuoco, e le colava perfino il naso. Era una donna eppure sembrava una bambina. Piccola e indifesa. Lui oscillava la testa come se volesse dire – Ma che ci posso fare?
– Ti prego – ripeteva lei.
Lui non aveva nulla da dire, infatti ogni volta che apriva la bocca non proferiva verbo; lei continuava a ripetere – Ti prego, ti prego… – All’infinito.
A un certo punto, però, lui ha detto – Ma lo vuoi capire che non ti amo più?
Lei ha alzato di un’ottava l’intonazione del suo pianto e ha detto – Non è vero, ti prego, ti prego. Non è vero.
– Non ti amo più – ha ribadito lui. Non era crudele, anzi, tutto sommato, mostrava anche un distaccato dispiacere. Come quello che avrebbe un cameriere quando deve comunicare a un cliente che non possono preparare il piatto già ordinato.
– Non ti amo più – incalzava lui come se si stesse discolpando.
Io, nel frattempo, con la massima indifferenza possibile, rallentavo il passo perché ero troppo curioso di capire come diavolo se ne sarebbe uscito lui da quel pantano.
Lei piangeva sempre più forte. Senza ritegno. Il naso le scolava copiosamente e gli occhi sembravano essere sul punto di scoppiare.
– Io lo so – ha detto lei con la voce nasale e singhiozzante – tu hai paura, ma mi ami ancora. Ti prego, ti prego, ti prego…
A guardarli, vi giuro, lui mi faceva molta più pena di lei.
– Basta ti prego – ha detto poi lui – lo devi accettare, io non ti amo più.
– Non ci fa niente – ha detto lei – Tanto ti amo io. Ti prego, ti prego non mi lasciare.
Lui l’ha abbracciata, e credo che poi si siano anche baciati, ma di questo non ne sono sicuro perché anche se mi giravo per guardarli ormai ero troppo distante. Molto probabilmente, poco dopo, i due sono andati a casa insieme e hanno anche fatto l’amore con quella passione ritrovata che vivono ancora, per qualche breve istante, le coppie che hanno consumato il tempo a loro disposizione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: